I FLAT CAPS

I Flat Caps hanno avuto una riscoperta negli ultimi anni, per una buona ragione. Non solo sono caldi in inverno, sono classici ed eleganti e quasi tutti gli uomini ben vestiti di ogni età ne possono indossarne uno. Il “flat cap”, a differenza dei modelli “fedora”, sono più morbidi e più facili da abbinare ad un look autunno, inverno e primavera.

Un “flat Cap”, o berretto piatto è un berretto arrotondato in tessuto morbido e la testa anteriore corta e arrotondata. Esistono due varianti di modelli, entrambe denominabili “flat Cap” :

Il primo ha una sagoma piatta realizzata in pezzo unico nella parte superiore del cappello. Il corpo del cappuccio viene tirato in avanti sul bordo e può essere cucito sul bordo superiore per creare un profilo laterale triangolare.

Il secondo ha un profilo più voluminoso, creato cucendo 8 pannelli triangolari convergenti nel punto centrale della parte superiore del cappello, che è coperto da un bottone di stoffa. Anche il corpo del berretto viene tirato in avanti sul bordo, in modo più voluminoso. Questo modello è anche comunemente associato al termine “cap newsboy”.

In effetti, i cappelli flat cap e newsboy sono solo i due nomi più comuni per questo stile di cappello. A seconda dell’utilizzo, il “flat cap” può essere chiamato in più di 20 modi: tassista, paddy, Gatsby, dai, scaricatore di porto, scally, Wigens, edera, derby, Jeff, duffer, duckbill, guida, bicicletta, irlandese, o truffatore. È conosciuto anche come sixpence, bunnet, taglia-formaggio o cappello di Vergon o Joao. Anche se il “flat cap” è un classico moderno, è utilizzato da secoli. In passato il cappello piatto, noto come “cofano”, era indossato già nel 14 ° secolo. Il termine “cap” entrò in uso intorno al 17 ° secolo.

È interessante notare che nel 16° secolo, il Parlamento Britannico, volendo stimolare il consumo di lana, impose a tutti gli uomini non nobili di indossare un cappello di lana la domenica e i giorni festivi, il trasgressore era passibile di multa. Questo costrinse la maggior parte degli uomini a comprare cappelli, e anche se la legge non durò a lungo, il cappello era diventato irrimediabilmente parte dell’abbigliamento del lavoratore. L’aristocrazia adottò il “flat cap”, confezionato con materiali più costosi e ricercati, usato come opzione per l’abbigliamento casual nelle loro tenute di campagna. Era spesso indossato con abiti di tweed per la caccia, ed attività all’aria aperta, il golf era tra queste. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, il berretto piatto e il copricapo hanno raggiunto il picco negli anni ’10 e ’20. L’era aiutò a rendere popolare il termine “strillone” a causa dei ragazzi che li indossavano quando vendevano giornali, ma il cappello era indossato quasi universalmente dalla classe operaia.

Se sei un amante dello stile classico, un “flat cap” si adatta perfettamente al tuo guardaroba, indipendentemente dalla tua età o professione. Le dimensioni si adattano a quasi tutte le forme del viso e possono essere abbinate ad abiti casual, informali e formali.

Ecco alcuni suggerimenti su come indossare un “flat cap”:

  • Se indossi un disegno tweed , assicurati che il tuo cappello sia in contrasto con il materiale del tuo cappotto o della giacca. Quindi, se utilizzi un disegno per il cappello, abbina il cappotto o la giacca in tinta unita.
  • Modella il bordo secondo i tuoi gusti. Molti “cap” sono dotati di una tesa relativamente piatta, e puoi arrotondarla delicatamente (non troppo!) Per adattarla meglio alla tua testa e conformarla in modo naturale intorno al tuo viso
  • Non indossare il “ flat cap” all’indietro; Samuel L Jackson è l’unico uomo in giro che riesca a sfoggiare quel look.
  • Non indossare un “flat cap” in estate, anche se è fatto di materiali “estivi” come il lino; semplicemente non è progettato per quella stagione. In estate consigliamo di indossare un cappello “Panama”.
  • Non indossare un “flat cap” non appuntato o spezzato; questa configurazione non fa parte dello stile originale, anche se funziona tende ad avere un aspetto femminile.

A differenza di altri cappelli, il tessuto e la confezione cucita rendono il “flat cap” un cappello molto facile da realizzare. Queste particolartà li rende anche meno costosi. Il nastro e l’orlo interno creano la struttura del cappello che si adatta comodamente sulla fronte. Il “flat cap” era originariamente costruito in lana, tweed e cotone , quindi evitare l’utilizzo di materiali non tradizionali come la pelle o altri materiali sintetici.

  • Scegli una composizione di materiale naturale per il miglior isolamento e traspirabilità;l’aggiunta di poliestere (o di un altro materiale sintetico) lo renderà meno caldo e traspirante.
  • Se hai un aspetto classico, non comprare un “flat cap” con un marchio forte, come “Kangol”. Vuoi valorizzare il tuo stile, non pubblicizzare il marchio di qualcun altro.
  • Evitare l’acquisto di cappucci patchwork o multi-pattern; questo tende ad essere fuori moda e non faceva parte del look originale
  • La maggior parte dei cappelli di fascia medio-bassa arriverà in taglie S.M.L, quindi segui le misure del produttore per la migliore vestibilità.

I migliori berretti sono: WIGENS-CHRISTY-JAMES LOCK & CO

Cappelleria Bacca oltre a proporvi una selezione dei marchi più prestigiosi, quali Borsalino, Stetson, Grevi, Lock, che si distinguono da sempre per il design e la qualità dei materiali usati, offre anche ricercati articoli di stilisti emergenti provenienti da tutto il mondo.

Rispondi